Tag

, , , ,

Immagine trovata su sodahead.comL’orologio delle elezioni scorre inesorabile, il giorno del giudizio elettorale si avvicina ed iniziano a spuntare con frequenza inquietante notizie di brogli della sinistra obamiota smascherati sul filo di lana. Attenzione, gente. It ain’t over ‘til it’s over. Tutto è ancora possibile.

Mancano solo dieci giorni all’election day e si moltiplicano i casi di frodi elettorali, ovviamente tutti concentrati nella sinistra obamiota e nel fosco sottobosco delle organizzazioni più o meno trasparenti che hanno portato uno sconosciuto senatore neo-eletto che non aveva combinato niente nella vita a parte “scrivere” un paio di mielose autobiografie e pronunciare qualche discorso tanto vacuo quanto retoricamente auto-celebratorio.

Visto che la comunità afro-americana continua ad essere considerata come totalmente asservita ai desideri della sinistra estrema, gli sforzi della macchina della truffa democratica si stanno concentrando sugli ispanici. Tanti illegali, un bacino ancora quasi vergine da trasformare nella nuova meravigliosa cornucopia di voti più o meno falsi, ormai necessari per sostenere la totalmente impopolare agenda socialista degli obamioti.

Lo ripeto da mesi, ma vale la pena di continuare. Guardia alta, gente. Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco. Questa gente si è riempita le tasche in maniera oscena saccheggiando la valanga di soldi sprecata dai vari fallimentari pacchetti di “stimolo” all’economia. Non solo possono comprarsi tutte le elezioni che vogliono, ma sembrano anche decisi a farlo. Ricordatevi che sono e restano totalitari. La democrazia serve solo quando mi fornisce la scusa per continuare a farsi gli affari propri. Altrimenti, il fine giustifica i mezzi. Per fortuna i patrioti del Tea Party sono sul pezzo e si stanno dando da fare per rovinare ancora una volta la festa agli obamioti. Sperém…

—————

Sorpresona: l’affiliata della SEIU ‘Mi Familia Vota’ beccata in Colorado con 6.000 registrazioni elettorali false
Jim Hoft
Originale (in inglese): Gateway Pundit
Traduzione in italiano: Luca A. Bocci

Ricordate quando Barack Obama disse:
“L’agenda dell’SEIU è la mia agenda”?

Ora sappiamo perché.

Lo stesso gruppo satellite dell’SEIU accusato di aver consegnato migliaia di registrazioni elettorali false in Arizona è sotto i riflettori in Colorado.
Mi Familia Vota è accusato di aver consegnato 6.000 registrazioni elettorali false in Colorado.
Il “Denver Post” ha scritto che:

Un giudice federale si è rifiutato di costringere il segretario di stato a riattivare circa 6.000 nuovi elettori le cui registrazioni sono state cancellate secondo la regola dei 20 giorni in vigore nello stato del Colorado.

In una decisione emessa lunedì scorso, il giudice anziano del distretto federale John L. Kane ha negato una mozione per ottenere un’ingiunzione preliminare presentata da diversi sindacati e gruppi per il diritto al voto.

In Colorado, quando un nuovo elettore si registra per votare, il segretario di stato invia per posta una notifica ufficiale non trasferibile che certifica l’avvenuta ricezione della richiesta di iscrizione negli elenchi elettorali. Se tale notifica torna indietro perché è stato impossibile consegnarla di persona, gli ufficiali considerano la registrazione elettorale inattiva dopo 20 giorni.

Melody Mirbaba, un’assistente del procuratore generale, ha affermato che tale regola è pensata per fermare le frodi elettorali e le registrazioni multiple.

James Finberg, un avvocato che rappresenta sindacati e gruppi per il diritto al voto, afferma che gli interessi degli elettori sono stati violati perché talvolta le notifiche tornano indietro senza che ci sia stata colpa da parte degli elettori.

Finberg afferma che certi elettori hanno sbagliato a scrivere il loro indirizzo sui moduli; gli impiegati talvolta fanno errori nel trascrivere gli indirizzi; anche i postini possono sbagliarsi nel consegnare le notifiche.

Ma la Mirbaba replica che gli elettori “inattivati” possono comunque presentarsi al seggio e votare con schede elettorali provvisorie, che rimarranno tali fino a quando i loro indirizzi non potranno essere verificati…

…La mozione per l’ingiunzione preliminare è solo una di varie cause presentate ai giudici federali per protestare l’esclusione di elettori dalle liste elettorali da parte del segretario di stato dal gruppo Common Cause del Colorado, Mi Familia Vota Education Fund e la Service Employees International Union.

Naturalmente, il fatto che un gruppo affiliato all’SEIU stia presentando migliaia di registrazioni elettorali false non sorprende proprio nessuno.

—————

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine